News

Amanda Knox su twitter”Se siete a casa in quarantena ecco come scolpirvi gli addominali”

Di Alexia Yael Dell’Oca

Come affrontare al meglio la quarantena? Ecco i consigli da chi è stato in carcere.
Sembra insolito vero? È proprio ciò che Amanda Knox ha scritto sul suo Twitter.
Amanda che si definisce “una donna precedentemente carceraria” lancia l’hashtag #Quarantip, consigli su come impiegare il tempo nelle giornate di reclusione domestica.

Gli ambiti che la Knox copre, nelle sette ‘tips’ sono diversi, tutti accompagnati da foto esplicative, come il primo Tweet ” come pensate possa avere degli addominali così scolpiti? Flessioni e piegamenti tutti i giorni.” Accompagnato da una sua foto in tenuta ginnica a pancia scoperta.
Così inizia una lista di cose da fare, aggiornata quotidianamente, ispirata ai quattro anni trascorsi nel carcere di Perugia.
La Knox usa i suoi tweet per dare consigli sull’alimentazione ‘dietro alle sbarre’, infatti posta la ricetta della “Prison Salad”: olive, finocchio, pezzi d’arancia, sale, pepe e olio d’oliva.
La terza e la quarta giornata sono dedicati alle emozioni:
“Ti senti disconnesso dalla gente? Forse una lettera scritta a mano può aiutare. La scrittura a mano rende il messaggio più prezioso”
“Ti senti solo? Hai paura? Lo percepisco. Una cosa che mi ha davvero aiutato è stata quella di avere una conversazione con il mio io più giovane spiegandogli cosa avrebbe vissuto e come sarebbe sopravvissuto”.

Sempre sull’onda del ‘Sentirsi soli’ consiglia poi di leggere dei poemi d’amore ad alta voce  “per ricordarsi cosa voluto dire toccare le persone.”
Infine consiglia di tenere un diario intimo, senza censure, perché questo è un momento della propria  vita che va documentato.

Insomma, questa è la prima parte di un elenco che sembra in continua crescita.

Amanda Knox, diventata personaggio noto nel 2007 per il ‘Delitto di Perugia’ è stata rinchiusa per quattro anni nel carcere di Capanne, con l’accusa di aver ucciso Meredith Kercher.
Nel 2015 è stata assolta.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close