News

Sindaco peruviano si finge morto per uscire a ubriacarsi

Bufera su di un sindaco peruviano per aver violato il lockdown.

Jaime Uriba Torres, questo il nome del primo cittadino peruviano di Tantará, resosi protagonista dell’assurda vicenda. Egli, già dai primi di maggio, aveva dato prova di disarmante sottovalutazione della l’epidemia.

Andiamo ai fatti. In base a quanto ricostruito, Torres sarebbe uscito Insieme a degli amici per farsi un bicchiere in palese violazione delle restrizioni adottate per combattere l’avanzata del coronavirus.
una volta intercettati dalle forze dell’ordine, il sindaco ed i suoi compagni di bevute hanno provato a sfuggire ai controlli ed alle conseguenti sanzioni adottando un metodo macabro.
La comitiva infatti, ha pensato bene di nascondersi in delle bare appositamente realizzate per i morti da coronavirus e si sono finti cadaveri.
Una volta raggiunti dalle forze dell’ordine, il sindaco insieme ai suoi amici hanno continuato la tragicomica scenetta spacciandosi per corpi senza vita, rimanendo immobili nelle bare scoperchiate, con gli occhi chiusi e con le mascherine sul viso fino a quando i poliziotti, dopo aver scattato delle foto, non li hanno tratti in arresto.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close